Dormire con il ventilatore acceso: Ecco perché bisognerebbe evitarlo

Se nel bel mezzo di questo caldo torrido non possiedi almeno un ventilatore, ecco un consiglio spassionato: non cercare di comprarne uno. Lo dico per due ragioni molto importante. One: Probabilmente non riuscirai comunque a trovarne uno nei negozi nel bel mezzo dell’estate, dato che tutti avranno avuto la tua stessa idea (solo prima di te).

La seconda ragione per non prenderne uno è che dormire con un ventilatore acceso non è una buona idea per la tua salute. Secondo “The Sleep Advisor”, sebbene un ventilatore aiuti l’aria a circolare per rendere la tua stanza più fresca ed arieggiata, può anche far circolare polvere e polline. Non una scelta ottimale per chi soffre di allergie, asma o febbre da fieno.

“Guarda attentamente il tuo ventilatore,” suggerisce The Sleep Advisor. “Se le ventole sono piene di polvere, tutte quelle particelle voleranno nell’aria della tua camera da letto ogni volta che lo accendi”.

Un’altra ragione per non dormire con un ventilatore acceso è il fatto che l’aria può seccarti la pelle, così come le tue cavità nasali. Se le tue cavità nasali diventano troppo secce, avvisa The Sleep Advisor, il corpo può produrre muchi in eccesso, facendoti sentire raffreddato più del normale.

E poi ovviamente ci sono i problemi causati a livello muscolare. “Le persone che dormono con una corrente ventosa direttamente sul loro corpo si svegliano con muscoli rigidi o doloranti. Questo succede perché la concentrazione d’aria può rendere i muscoli tesi e causare dei crampi,” spiegano gli esperti. “Questo problema è specialmente comune nelle persone che dormono con il ventilatore vicino alla loro faccia e collo. Se ti sei svegliato con il collo dolorante ogni mattina, potrebbe essere a causa della corrente costante”.

Quindi sebbene un ventilatore nella tua stanza possa sembrare l’unico modo per sopportare il caldo costante, potrebbe essere meglio provare metodi più casalinghi come dormire sopra le coperte con la finestra spalancata, indossare dei vestiti precedentemente riposti nel frigo o magari posizionare il ventilatore in un posto più isolato, dove possa rinfrescare la stanza senza però darti problemi ai muscoli. Buona sudata, in un modo o nell’altro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *